Faq

Domande più frequenti, con risposte

No, non è necessario alcun certificato medico ma occorre essere certi di godere di buona salute. Come per gli altri sport il Bungee Jumping è sconsigliato a chi riscontra serie cardiopatie, neuropatie, patologie osteo articolari e retinopatie, epilessia, stato di gravidanza o abbia subito recenti traumi od operazioni. In caso di dubbi sulla propria condizione fisica è sempre meglio confrontarsi preventivamente con il proprio medico descrivendo l’attività che si intende fare.

Si, per garantire il miglior servizio a tutti evitando lunghe attese, la prenotazione è davvero necessaria, con pagamento anticipato.

Il peso minimo ammesso è 45 kg, quello massimo 120 kg. Vestiti s’intende! Al momento della registrazione alla nostra Reception vi verrà chiesto di pesarvi.

Si, ma per loro è obbligatoria l’autorizzazione scritta dei genitori con copia di un documento di identità e numero di cellulare di chi firma, a meno che non siano presenti al momento del lancio.

NO! Possiamo inoltre affermare che Bungee.it è tra la maggiori organizzazioni mondiali, con all’attivo diverse decine di migliaia di lanci, dal 1994 a oggi. Bungee.it è inoltre leader nella produzione di elastici (circa 10 tonnellate annue), con i quali vengono effettuati oltre 70.000 lanci ogni anno in tutto il mondo.

NO. Abbiamo scelto di rinunciare alla modalità di salto “in coppia”, o tandem, per privilegiare l’esperienza del volo vero e proprio. Concentrando l’attività solo su salti singoli è stato possibile aumentare la lunghezza degli elastici che, lo ricordiamo, vengono recuperati dall’alto “a mano”, anche per maggior controllo che eseguiamo rigorosamente da anni dopo ciascun salto. I nostri elastici sono fra i più lunghi al mondo rispetto alla quota di salto!

No, non ci sono problemi per i portatori di lenti a contatto morbide. Se indossi lenti rigide o semirigide puoi prendere in prestito un paio di occhiali da paracadutista (se disponibili in quel momento) per poter saltare senza paura di perderle.

In Italia sì, nel 1998, due organizzazioni ora non più operative (Jumping Italia e Jochen Schweizer Bungee Jumping) hanno causato ognuna un incidente non mortale, con lancio da Autogru la prima e da Ponte la seconda. Nel 2002, il 1° maggio, presso il Centro “le Marmore” dell’Associazione Jumping di Arrone (Terni) si è verificato un incidente mortale, causato da errore umano del team operante. Da quell’evento tragico è nato il SISE (Standard Italiano Salto con Elastico). Nel resto del Mondo è difficile avere delle statistiche aggiornate ma si ritiene che la percentuale di incidenti non superi lo 0,006% del totale dei lanci effettuati nel mondo che si stima siano ca. 800.000 all’anno.

Non esiste l’ascensore! Dopo aver saltato e lasciato stabilizzare l’elastico, il saltatore viene calato sotto il ponte dove il responsabile del recupero lo aiuta a togliersi l’imbragatura e gli indica il sentiero di risalita al ponte.

Ogni saltatore viene equipaggiato con un imbragatura intera al corpo e due cavigliere ai polpacci. L’attacco “attivo” sono le cavigliere che, separate tra loro, costituiscono una la controassicurazione dell’altra. L’imbragatura al corpo costituisce quindi il terzo livello di controassicurazione.

Consigliamo un abbigliamento sportivo con il solo obbligo di indossare scarpe da ginnastica o meglio scarponcini, utili per la risalita nel bosco dopo il recupero nel fondo valle.

Il Bungee Jumping da elicottero, Helibungee, è stato in esame per la regolamentazione europea JAR senza esiti positivi. Al momento in Italia non è quindi praticabile.

Scontrarsi con l’elastico nel momento di “gravità zero”, che avviene dopo la fase di risalita dal primo rimbalzo, è raro ma da non escludere. Invitiamo sempre di non toccare elastico e corde durante il lancio. Ogni altra situazione è del tutto fortuita e mai verificatasi in oltre vent’anni di attività del nostro Bungee Center.

La risposta necessiterebbe di un’estesa dimostrazione tecnica. La sicurezza nel Bungee Jumping è data da una serie di fattori su cui Bungee.it ha messo li massimo impegno fin dall’apertura del primo Centro di Bungee Jumping, nel 1995. In primo luogo i materiali: Bungee.it utilizza solo dispositivi certificati mentre gli elastici, di nostra produzione, sono testati dai laboratori del Politecnico di Torino e dotati di uno speciale sistema AES (Anti Elongation System) per evitare eventuali sovrallungamenti. La sicurezza nell’attività è inoltre garantita da un Team preparato ed esperto, capace di coordinarsi anche in situazioni di meteo non favorevole, con procedure documentate e provate migliaia di volte. Bungee.it ha contribuito nel 2002 alla stesura del SISE, STANDARD ITALIANO SALTO CON ELASTICO. Oggi riferisce le proprie attività alle principali normative mondiali di settore.

Le condizioni meteo avverse non impediscono tecnicamente i lanci. La pioggia infatti non costituisce impedimento mentre il vento sì, solo se laterale e di intensità >90 km/h, fatto peraltro mai verificatosi dal 1994! Il nostro Bungee Center è comunque l’unico Centro Permanente di Bungee Jumping in Italia, siamo aperti tutti i week-end da Marzo a Novembre (vedi calendario) anche se nevica o piove a dirotto (sarà una sfida ancora più hard)!

No, per effettuare un lancio nel nostro Bungee Center non è richiesta alcuna attitudine particolare. Non esistono limiti di età, semmai è necessaria una certa propensione alle emozioni forti! La vera discriminante, come accade anche negli sport tradizionali, è l’idoneità fisica. Il Bungee Jumping, infatti, non è un’esperienza consigliabile a chi lamenta serie patologie o recenti traumi.

No, per motivi di sicurezza e assicurativi nessun accessorio non predisposto dalla nostra organizzazione può essere usato durante i lanci.

Presso il nostro Bungee Center vi sono però ben due sistemi di ripresa: una postazione esterna al ponte con nostro cameraman, per riprendere il tuo salto da un’angolazione unica (compresa la fase di preparazione), una nostra telecamera in alta risoluzione indossata che riprende il tuo viso e lo scenario circostante. Entrambe le riprese saranno salvate su una pratica chiavetta Usb che conterrà anche copia del mitico videoclip dell’inaugurazione del nostro Bungee Center Veglio con la partecipazione del grande e indimenticabile Patrick de Gayardon.

La calata in fondovalle dura circa 2 minuti. Prima di lanciarti, durante briefing del Responsabile Lanci, ti verrà spiegato come riportarti in posizione verticale, testa in alto, una volte conclusi i primi 2 rimbalzi.

No, in caso non riuscissi a saltare gli istruttori ti aiuteranno “di più”: cercheranno con un po’ di psicologia di convincerti a superare la normale paura del salto.

Oltre al Bungee Jumping puoi provare i percorsi acrobatici in altezza del PARCO AVVENTURA VEGLIO, situato proprio a fianco del Ponte da cui effettuiamo i lanci. Il nostro Centro fa parte del Consorzio Turistico Oasi Zegna, la più grande area protetta della zona dove è possibile fare diverse attività o semplicemente rilassarsi. In Valsesia (ca. 30 km), c’è ogni tipo di attività fluviale mentre per gli amanti dell’aria, a Casale Monferrato (ca. 70 km) è possibile provare la caduta libera con il paracadutismo.

Sì. Si può saltare senza particolari preparazioni fisiche o tecniche particolari. Nella progettazione degli elastici si è posta molta cura nel garantire che la decelerazione della massa avvenga in uno spazio di almeno il doppio della lunghezza dell’elastico, pertanto non nocivo al corpo umano. Nel nostro Bungee Center le decelerazioni avvengono da un minimo di 48 (per la massa minima) a 96 metri (per la massa massima), molto superiori quindi alla decelerazione che si avrebbe in auto con una frenata al limite massimo prima del bloccaggio delle ruote!